«Sono un cristiano hippy, posso parlare con lei?»

Un capraio catalano che ha trovato ‘Cammino’ in una discarica è il protagonista di questa storia rocambolesca.

Testimonianze

In Spagna esiste un’associazione chiamata “Amici del Passaggio dei Pirenei”, che organizza una serie di passeggiate a metà tra la gita e il pellegrinaggio, sulle tracce di quella dolorosa traversata che san Josemaría fece con altre persone attraverso la catena pirenaica durante la guerra civile spagnola per passare dalla zona dove la Chiesa era perseguitata a una zona dove potesse continuare l’attività di evangelizzazione che Dio gli chiedeva.
Don Javier è sacerdote e vive a Valencia. Nel 2012 ha ripercorso il Passaggio dei Pirenei con un gruppo di giovani, composto in maggioranza da candidati al seminario, provenienti da Lerida, Tarrasa, Badalona e Gerona. C’erano anche altri studenti.

aveva trovato in una discarica una gran quantità di libri che portò a casa sua. Nell’esaminarli, la sua attenzione fu attratta da uno di essi, che cominciò a leggere. S’intitolava ‘Cammino’
Nel gruppo di partecipanti si distingueva un uomo più anziano, di una quarantina di anni e più, che durante la prima giornata di marcia si presentò al sacerdote con le seguenti parole:
− Mosén*, io sono un cristiano hippy. Posso parlare con lei?
− Certamente.
− Voglio raccontarle la mia storia e spiegarle perché sono qui.
«Così mi ha raccontato che vive in un villaggio abbandonato dei Pirenei, occupato alcuni anni prima da poche famiglie. Qualche mese prima aveva trovato in una discarica una gran quantità di libri che portò a casa sua. Nell’esaminarli, la sua attenzione fu attratta da uno di essi, che cominciò a leggere. S’intitolava ‘Cammino’. Gli piacque tanto che decise di rileggerlo e sottolinearlo. E la sua vita cambiò.
− In internet ho cercato informazioni sull’Opus Dei e su Josemaría Escrivá. Non tutte le pagine parlano bene di voi, mosén, però non si preoccupi, perché mi sono reso conto subito di quanto fossero assurde certe affermazioni e ho letto soltanto quelle serie.
Ho imparato che dovevo andare a Messa e ho cominciato ad andare tutte le domeniche nella chiesa del villaggio vicino. Poi, con un esame di coscienza, mi sono preparato a fare la confessione. Dopo ho letto che conveniva dedicare un tempo all’orazione e ho cominciato a farlo. E anche il rosario e la lettura spirituale.
Io lo ascoltavo sorpreso.
− Un giorno ho visto in internet che si organizzava la traversata dei Pirenei in occasione del 75° anniversario del Passaggio. Ho telefonato per vedere se potevano inserirmi: − Ammettete nella spedizione un capraio che vive qui vicino? Avevo voglia di conoscere persone dell’Opera ed ero curioso di vedere se c’erano persone che vivevano quello che io avevo imparato in ‘Cammino’. Mi dissero che non avevano nulla in contrario e mi sono iscritto [...].
Ammettete nella spedizione un capraio che vive qui vicino? Avevo voglia di conoscere persone dell’Opera ed ero curioso di vedere se c’erano persone che vivevano quello che io avevo imparato in ‘Cammino’
Ha un gregge di capre che porta ogni giorno a pascolare; è sposato e ha due figli. Vuole fare apostolato. Durante i sei giorni di marcia il suo comportamento è stato esemplare».

* Letteralmente, ‘messere’. Soprattutto in Catalogna e Aragona si suole anteporre al nome proprio dei sacerdoti.