Comunicare la fede

Dall'Opus Dei
Comunicare la fede

"Comunicare l'identità cristiana in una società postmoderna". Offriamo una suggestiva conferenza della teologa Jutta Burggraf (+2010) sulla...

L'attualità su papa Francesco

Lettere del Prelato

Lettera del Prelato (gennaio 2017)

Prima lettera di mons. Fernando Ocáriz ai fedeli dell'Opus Dei. Ha in mente quanto vissuto dal 23 gennaio, ringrazia per le preghiere rivolte alla sua persona e ricorda mons. Javier Echevarría.

Carissimi: Gesù mi protegga le mie figlie e i miei figli!

Comprenderete l’emozione con cui vi scrivo chiamandovi per la prima volta figlie e figli miei. Sin dalla sera di lunedì 23, le vostre sorelle e i vostri fratelli di Roma hanno cominciato a chiamarmi Padre. Lo hanno fatto con una naturalezza e una spontaneità che mi hanno sorpreso e commosso. Io, invece, ho tardato quasi una settimana prima ...

Testo del giorno

“Siamo tutti fratelli!”

L'Apostolo ha anche scritto che «non c'è distinzione tra gentile e giudeo, tra circonciso e incirconciso, tra barbaro e scita, tra schiavo e libero, ma Cristo è tutto ed è in tutti». Queste parole valgono oggi come ieri: di fronte al Signore, non esistono differenze di nazione, di razza, di classe, di stato... Ognuno di noi è rinato in Cristo, per essere una nuova creatura, un figlio di Dio: siamo tutti fratelli, e da fratelli ci dobbiamo comportare. (Solco, 317)

Dinanzi alla fame di pace, noi ripetiamo con san Paolo: Cristo è pax nostra, la nostra pace. Dinanzi all'anelito di verità, dobbiamo ricordare che Cristo è la via, la verità e la vita. Chi aspira all'unità, deve porsi di fronte a Cristo che prega affinché siamo consummati in unum, perfetti nell'unità. La sete di giustizia deve guidarci alla sorgente da cui scaturisce la concordia fra gli uomini: l'essere e il sapersi figli del Padre, e quindi fratelli. Pace, verità, unità,...